COMITATO

San Verano da Salvare

O.N.L.U.S.

Contatti Dove Siamo Donazioni Restauro La Storia La Chiesa Home Totem 1.pdf

La chiesa di San Verano

Piazza Ploto, 19

10064 Abbadia Alpina - TO

Cliccare

sull’immagine

per ingrandire

LINK Sito Parrocchia www.Parrocchiasanverano.it

La Storia pag 2

La pianta è costituita da una sola navata che termina con un lungo presbiterio il quale si stacca dalla navata per il restringersi delle pareti. Esso è chiuso dall’abside che contiene il coro.

La navata della chiesa è suddivisa trasversalmente in tre campate che definiscono sei cappelle laterali a nicchia di pianta rettangolare ad angoli smussati tutte identiche fra loro. L’aula è sovrastata da una volta a botte con crociera tra lesena e lesena divisa da tre campiture decorate.

La volta scarica su arconi al di sotto dei quali si aprono le cappelle.

L’abside è coperta da una semicupola a prolungamento della volta a botte. Questa semicupola è impostata su nervatura radiale tra le tre finestre a sostegno di unghie di volta. Al di sotto della volta corre lungo tutto il perimetro della chiesa la trabeazione che separa la parte bassa dalla parte alta, chiudendo in alto l’ordine delle paraste.

La luce penetra esclusivamente dall’alto, dalle finestre che si aprono sopra la trabeazione in corrispondenza delle cappelle sottostanti, oltre che da quella che si apre in facciata e dalle cinque nell’abside.

L’altare maggiore è di piacevole e leggero disegno, totalmente in legno dorato.

Circa 25 anni fa, fu diviso in due parti. L’imponente parte superiore incorporante il tabernacolo fu spostata nella cappella, immediatamente a destra del presbiterio (guardando verso il presbiterio stesso) che ora viene detta cappella del SS. Sacramento in quanto Esso è qui custodito. L’altra parte è rimasta a ricostituire il Nuovo Altare Maggiore.


                                             

La Chiesa-interno 1.jpg La Chiesa-interno 2.jpg

Altare maggiore

Altare SS.Sacramentto

Per ingrandire

Cliccare

sulle immagini

pag Precedente  -  pag 3 - pag 4 - pag 5 - pag 6

   L’interno